La mia Decimoputzu

Enrico Piras's picture

Decimoputzu, un paese al centro del Campidano, al centro di una delle pianure più fertili del Mediterraneo. Uno dei paesi più antichi della Sardegna, a dimostrarlo la continuità abitativa tra le più continue in assoluto, siti archeologici come la Tomba dei Guerrieri a Santu Iroxi (1.600 a.c. circa) o il Nuraghe Su Casteddu de Fanaris al confine con Vallermosa, tra i Nuraghes più importanti del Sud Sardegna (se non il più importante) lasciato tuttora abbandonato.

Un paese in cui l'agricoltura fa tuttora da padrona, nonostante la scelleratezza della famigerata legge 44/88 ne abbia indebolito non poco la struttura portante, tra debiti e more, pignoramenti, vendite all'incanto delle aziende per due soldi etc. Un paese che tra gli anni '80 e fino almeno a metà anni '90 era tra i più ricchi della Sardegna, trainato proprio dall'agricoltura.

E poi cos'è successo? Decimoputzu si è spenta lentamente, inesorabilmente. Le vie si sono spopolate pian piano, la Via Grande e i giardini pubblici, sempre popolatissimi, rimandano ora eco sordi e tristi, i negozi storici hanno chiuso così come molte nuove attività. Come se un cataclisma si fosse riversato sull'intero paese, non riconosco più la mia Decimoputzu, quella che avevo conosciuto da ragazzino e che già allora avrei voluto migliorare.

Ecco, il mio paese oggi risulta spento, anonimo. Si vede dal decoro urbano: erbacce alte, cartelli arrugginiti, strade tipo piste da rally, muri imbrattati di teppismo, verde pubblico lasciato all'incuria e alle intemperie. Non ci sono soldi, a quanto si dice.

Ed invece è proprio da qui che deve ripartire, secondo la mia visione, la mia Decimoputzu.

La mia Decimoputzu ha un grandissimo cartello in tutti gli ingressi con scritto “Beni benius a Deximuputzu” (e non Deximeputzu come ora, poiché sono riusciti a sbagliarne anche il nome!) e negli stessi ingressi ha delle aiuole con dei fiori colorati tutto l'anno. La pavimentazione delle strade non dico che deve essere perfetta dappertutto ma decente, percorribile, a prova di sospensioni. Il verde pubblico è curato con la supervisione di professionisti del verde e dell'addobbo casalingo ed extra-casalingo, con delle piste ciclabili dove possibile e dei limitatori di velocità che consentano a ciclisti e pedoni di potersi permettere anche qualche distrazione senza correre il rischio di essere investiti, il tutto a favore di una viabilità sostenibile ed un cospicuo aumento della salubrità dell'aria. Perché la mia Decimoputzu deve attrarre le persone. Non solo turisti, ma soprattutto quelle persone che non riescono a comprare casa a Casteddu o nei pressi di Casteddu e sono costrette a scegliere un paese. Bene, ora come ora io il mio paese non lo sceglierei mai se dovessi guardare il decoro urbano. E come pretendiamo la ripresa dell'edilizia paesana senza decoro urbano? Un paese senza decoro urbano equivale ad una rosa senza petali.

La mia Decimoputzu è turistica. Non si possono lasciare abbandonati a se stessi o con un cartello di segnalazione (quando è presente!) il gran numero di reperti archeologici come quelli già citati all'inizio , come fattorie e mulini romani, come menhir (sono oltre una quindicina). In altre nazioni con queste cose ci campano migliaia di persone mentre noi le trattiamo come “cuatru perdas postas una impitzus a s'artra”. La mia Decimoputzu vuole rivalutare queste risorse rivalutando se stessa, con coraggio, determinazione e responsabilità. Essa crea un prodotto turistico cucito su misura che non sia fatto solo delle feste e sagre paesane, con tutto il rispetto e il piacere che provo per queste ultime che, tra l'altro, attraggono migliaia di persone. Decimoputzu non merita un “Beni benius” all'anno, per Decimoputzu devono essere Beni benius tutto l'anno! Si devono seguire i flussi turistici delle varie parti del mondo, non si può pretendere che un norvegese venga a Decimoputzu in agosto. Facendo questo, il mio paese incentiva ad esempio il recupero delle case abbandonate e la loro trasformazione in B&B, agriturismo e strutture ricettive in generale.

La mia Decimoputzu è artistica e culturale. Promuove e incentiva l'arte e tutto quello ad essa correlato in tutte le sue forme e le sue espressioni. Organizza corsi e concorsi di musica, pittura, scultura, scrittura, recitazione e chi più ne ha più ne metta. Tutela la lingua sarda e ne promuove corsi gratuiti e non, promuove la storia sarda incentivando e organizzando approfondimenti, sfilate e rievocazioni di avvenimenti storici, rappresentazioni teatrali etc.. Perché arte, cultura, archeologia e turismo devono assolutamente andare di pari passo.

La mia Decimoputzu è ovviamente agricola, effettua corsi d'aggiornamento per gli agricoltori, promuove sistemi associativi tipo le cooperative, istituisce commissioni di controllo nei mercati all'ingrosso per verificare che i commercianti paghino al produttore il dovuto, incentiva le produzioni a scopo nutrizionale e fa rete con le strutture ricettive affinché si privilegino le produzioni locali prima di quelle che vengono da fuori.

La mia Decimoputzu è aggregativa e democratica. Accorcia le distanze tra politica e cittadini promuovendo la formazione di comitati, associazioni, consulte di giovani ed anziani affinché tutti possano contribuire al governo del paese con spirito di solidarietà, rispetto, fratellanza ma anche responsabilità. Nella mia Decimoputzu l'astensionismo è quasi inesistente, si recano a votare per il nuovo sindaco il 90% minimo degli aventi diritto e si creano le possibilità per disabili ed anziani di andare ad esprimere il loro pensiero. Prima delle elezioni è d'obbligo il confronto pubblico tra i candidati esposti alle domande e alle valutazioni del pubblico in merito ai loro programmi e alle loro intenzioni. Perché scrivere è facile, è guardando negli occhi le persone e sentendole parlare che

ne capisci le intenzioni.

La mia Decimoputzu è tecnologica. Rapportandosi con la parte turistica e non solo, il mio paese si dota di wi-fi in tutti i suoi punti, ovunque ci si trovi e magari con collegamenti USB nei vari siti turistici dove poter scaricare sul proprio dispositivo le informazioni che interessano. Decimoputzu è in rete, in continua promozione e chi ricerca le informazioni su di essa le trova tutte lì, in rete.

La mia Decimoputzu è ecosostenibile. Fa dell'aria pulita, del buon mangiare e del buon vivere un suo punto di forza. Incentiva l'autosostenibilità energetica, la filiera corta dell'agroalimentare, il camminare a piedi o in bici che di questi tempi, col costo del carburante, non è male, si dota insieme ad altri paesi del circondario di una circonvallazione per impedire che i mezzi pesanti congestionino il traffico e l'aria paesana.

La mia Decimoputzu è sana. Fa dello sport una parte formante e fondamentale sin dai primi anni di vita, fonte aggregativa e anche prestigiosa, promuove le nuove discipline preservando comunque le classiche, premia la storia delle vecchie società affinché da queste si prenda esempio per crearne altre altrettanto robuste. Fa della prevenzione un perno su cui muoversi organizzando periodicamente visite specialistiche gratuite.

La mia Decimoputzu ama gli animali, combatte il randagismo con sterilizzazioni mirate, gli abbandoni garantendo multe salate a chi abbandona il proprio amico a 4 zampe e/o a chi viene sorpreso a maltrattarlo, si dota di un canile municipale gestito da volontari e sostenuto da donazioni di amici degli animali e ausilio di associazioni.

La mia Decimoputzu è solidale. Tende a non creare differenze sociali, cerca di recuperare i bisognosi d'aiuto, crea dei gruppi contro le dipendenze, qualsiasi esse siano, vero male sociale da combattere con tutte le forze.

La mia Decimoputzu è il paese che sogno, un paese dove far vivere i propri figli e i propri nipoti con grande tranquillità ed un pizzico di orgoglio. Perché pur essendo contento di vivere dove vivo, sono consapevole che c'è tanto da fare in questo piccolo paese. Ed io vorrei farlo, e vorrei che tutti lo facessero.

Go to top